Sifone e Scarico per bidet, Misure e Miglior Prodotto

Sifone e Scarico per bidet, Misure e Miglior Prodotto

Molto spesso è necessario nelle case datate ma anche in quelle moderne dover sostituire il sifone e lo scarico, talvolta compromessi da incrostazioni, perdite e dall’usura. Per fortuna è possibile procedere anche da soli nella sostituzione, basta acquistare l’intero tubo di scarico con sifone incluso e procedere alla manovra.

Attenzione però, i sifoni e gli attacchi non sono tutti uguali, ognuno di essi ha una misura ben diversa, per tale motivo è bene portare sempre con sé il pezzo da sostituire onde evitare errori. È anche possibile misurare le dimensioni per poterlo acquistare comodamente online, basterà un semplice metro.

I sifoni più comuni sono solitamente di 26/32/40 millimetri. La qualità e la struttura per può variare anche di molto, ce ne sono:

  • in acciaio
  • in ottone cromato
  • in propilene
  • in plastica

con forme anche molto diverse tra loro che possono ricordare una S, una U, oppure avere molteplici attacchi per collegare più parti.

In questa parte del sito troverai i migliori: Bidet a terra e i migliori Bidet sospesi

Per quanto riguarda il bidet una delle migliori soluzioni è il sifone con lo scarico a terra, la funzione di questo oltre a far defluire l’acqua è anche ovviamente evitare gli odori che possano provenire dalle tubazioni principali e da quella portante della casa che è connessa al restante del palazzo e quindi alla colonna di scarico condominiale.

Solitamente questo alla base è fatto di piombo ma recentemente è facile trovarne in commercio anche in altri materiali come la plastica.

È bene che questa parte importante della stanza da bagno venga monitorata negli anni e sostituito all’occorrenza per svolgere sempre al meglio il suo lavoro.

Sifone bidet in plastica

In passato era prassi comune vedere sifoni in metallo, oggi però è molto facile trovarne in plastica. Possono essere usati su lavandini, water e bidet senza problemi e hanno moltissimi design. I sifoni in plastica hanno una struttura leggera e quindi flessibile e un costo piuttosto contenuto. Per questo motivo negli ultimi anni sono divenuti articoli particolarmente utilizzati.

VANTAGGI – I sifoni in plastica hanno il pregio di essere a basso costo e a lunga durata, non vanno incontro alla corrosione dell’acqua e possono sopportare anche un tipo d’acqua più aggressiva o pesante. Hanno un aspetto molto più gradevole di quelli in rame e ottone, sicuramente vintage. La plastica è un materiale che si presta meglio a qualunque tipo di design abbia la propria stanza da bagno e consente di creare anche delle varietà per colore e struttura.

SVANTAGGI – Questo tipo di sifone ovviamente è fragile, la plastica per durata e solidità non è equiparabile al metallo, inoltre è possibile che questi dispositivi perdano più facilmente rispetto a quelli tradizionali. Visto il materiale di cui si compongono inoltre non è possibile utilizzare agenti chimici corrosivi.

Sifone bidet filo muro

Il sifone, nonostante la sua semplicità estetica, ha un ruolo fondamentale nella struttura del bagno. Solitamente è composto da una tubazione che ha una forma definita, particolare, mai rettilinea.

Questa insenatura che si viene a creare serve a creare un ostacolo di tipo idraulico, nell’ansa resta sempre l’acqua, in questo modo si evita la fuoriuscita di cattivi odori. Il sifone ha anche un altro importante vantaggio, la capacità di trattenere piccoli oggetti che possono inavvertitamente cascare al suo interno. La sua dimensione consente il recupero di questi oggetti senza che lo scarico si intasi.

Il sifone è stato creato per la prima volta nel 1775 da Alexander Cumming. L’elemento aveva la stessa identica funzione che ha oggi, ovviamente però era costituito da materiali differenti. I sifoni possono essere di vario tipo, a pozzetto di ispezione, a bottiglia, a collo d’oca, quelli per lavabo, a pavimento, a parete.

Sifone Per Scarico Bidet Modello A2 Salva Spazio Valsir
  • Realizzato in PP bianco
  • Diametro interno 1"1/4 - Diametro esterno 40 mm Idoneo per bidet filo muro

Ognuno di essi si presta al meglio per la doccia, per il lavandino o per il bidet.
Tuttavia è bene notare che la struttura è la medesima, tutti hanno una zona di ristagno del fluido per evitare la fuoriuscita di odori sgradevoli. Ovviamente se non si utilizza quel dispositivo per molto tempo, l’acqua al suo interno evapora e i cattivi odori vengono fuori.

Per questo se entrate in una casa non abitata da parecchio non deve sorprendervi quell’odore di fogne che ristagna. Questo vi aiuta a capire ancora di più quanto quel piccolo tubo sia importante. Ovviamente per far si che il dispositivo faccia il suo lavoro al meglio è necessario sempre procedere con un’accurata pulizia.

Un sifone a muro è un sistema che permette lo scarico dell’acqua direttamente in un tubo che viene immesso nella parete. Installare questo tipo di sistema non è difficile come sembra, basta far scivolare il sanitario fino alla parete, posizionare i fissaggi e i flessibili e innestare il bocchettone.

Uno dei pregi notevoli di questo sistema, oltre al fatto che è notevolmente economico è anche la possibilità di salvare spazio. Vista la sua conformazione questo sifone può essere posizionato in qualunque sala da bagno con estrema facilità.

Sifone bidet otturato

Uno dei piccoli drammi con cui chiunque si trova a dover fare i conti è il sifone otturato, che si tratti della doccia, del lavabo o del bidet capita sempre che qualcosa si infili nello scarico e possa finire con il danneggiare tutto il sistema.

Per ovviare a questo problema è importante sturare gli scarichi del bagno e farlo in tempi brevi. Occorre un cacciavite e una molla stura-tubi che può essere reperita in qualunque ferramenta a basso costo.

Il sifone si trova sotto il lavandino o sotto il bidet, questo è formato da due parti, una esterna e visibile e una posizionata sotto il pavimento dove in pratica convoglia l’acqua in un contenitore a forma di sfera. Per avviare la procedura è opportuno smontare le parti, la prima cosa da fare è smontare il sifone esterno per rimuovere l’eventuale caduta di pezzetti, capelli o quanto altro abbia potuto otturare il passaggio.

Una volta riavviato il sifone esterno pulito, se il problema persiste, è necessario procedere ad una verifica ai piani bassi. Bisogna rintracciare quella scatoletta metallica a forma di piattino presente sul pavimento del bagno, svitare con il cacciavite quel piattino e quindi rimuovere il tappo.

Ora, una volta aperto, è possibile muovere la molla stura-tubi per fare pulizia. Ovviamente anche se questo arnese è progettato appositamente è bene procedere con cautela per non fare danni. Una volta rimosso il nocciolo del problema si può risistemare il coperchio e riavviare la paletta di ferro esterna, avendo cura di chiuderla attentamente. Lo scarico a questo punto dovrebbe essere perfettamente funzionale.

Ultimo aggiornamento 2019-05-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API