Come farsi il bidet? Come lo si usa?

Come farsi il bidet? Come lo si usa?

Il bidet nella cultura globale:

Il bidet, nato intorno al 1700 in Francia, è un sanitario diffuso in molte parti del mondo. Escludendo i paesi anglosassoni, lo si può ritrovare facilmente in:

  • Asia
  • Medio Oriente
  • Sud America

Ci riferiamo ad un sanitario in grado di garantire l’igiene intima degli utenti che lo utilizzano.

Esso, sfruttando il flusso di acqua corrente, offre la possibilità di igienizzare e rinfrescare le regioni perineali del corpo, ovvero quelle intime.

La sua diffusione ha garantito un netto miglioramento delle condizioni igieniche della popolazione e, di conseguenza, ha impedito la propagazione di malattie infettive.

Tuttavia, non essendo presente nei bagni in tutte le abitazioni, abbiamo redatto una chiara e semplice guida per facilitare l’approccio con tale strumento sanitario.

In questa sezione del sito puoi trovare le migliori recensioni sui: Bidet a terra e Bidet sospesi

Come posizionarsi sul bidet?

Come posizionarsi sul bidetPrima di entrare nel vivo dell’argomento, è necessario chiarire un aspetto fondamentale: quando è più opportuno utilizzare il bidet?

Le regole dell’igiene vorrebbero che esso venisse usato subito dopo aver urinato o evacuato.

Molti preferiscono usare dapprima la sola carta igienica e, successivamente, procedere al lavaggio con il bidet. Altri ancora preferiscono effettuare direttamente la disinfezione con il sanitario, senza l’utilizzo della carta igienica.

Come si è visto, le due varianti sono entrambe accettabili, purché, al termine dell’espletamento, venga utilizzato il bidet.

Dunque una volta individuato il bidet sarà sufficiente prendere posizione su di esso. Per far ciò, bisognerà sedersi a cavalcioni con il viso rivolto verso il rubinetto.

Ovviamente, anche in posizione opposta è possibile usufruire del sanitario ma si avrà la rubinetteria alle spalle.

Inoltre, nel caso in cui indossaste dei pantaloni sarà necessario toglierli momentaneamente o sfilare una gamba, per avere un comfort maggiore durante l’utilizzo.

Regolare la temperatura dell’acqua e procedere con il lavaggio

Regolare la temperatura bidetPrima di effettuare il lavaggio è necessario regolare la temperatura dell’acqua e, non di meno importanza, la forza del getto d’acqua.

Il meccanismo di miscelazione tra acqua fredda e acqua calda è identico a quello dei comuni lavandini; quindi solo quando la temperatura avrà raggiunto un punto ottimale, è consigliabile procedere al lavaggio vero e proprio.

Infine, è necessario porre attenzione al getto d’acqua; un’apertura troppo brusca potrebbe provocare la fuoriuscita di acqua rovente direttamente sulle zone intime!

Raggiunta la temperatura ideale, sarà necessario sistemarsi sul bidet, in maniera tale che il getto d’acqua raggiunga direttamente le zone da lavare. Nel caso in cui ciò non avvenga, si può inserire il tappo sul fondo del sanitario ed attendere che la bacinella si riempia d’acqua.

Per garantire la massima pulizia delle zone intime, è consigliabile l’uso delle mani; esse dovranno direttamente strofinare sulle parti interessate, in maniera da implementare il lavoro compiuto dal getto d’acqua.

Per rendere la pulizia ancora più efficace e rinfrescante sarebbe opportuno impiegare dei saponi intimi che, attraverso degli specifici pH, garantiscono un’igiene impeccabile senza, però, danneggiare le mucose delle zone intime.

Terminare il lavaggio e asciugare il perineo

asciugare parti intimeUna volta terminata l’operazione di lavaggio sarà necessario asciugare le parti igienizzate.

Per portare a termine questo passaggio sarà sufficiente munirsi di un asciugamano pulito.

Bisognerà compiere un lavoro certosino, poiché, eventuali zone poco asciutte, potrebbero andare incontro ad irritazioni o fastidi cutanei. Infine, una volta conclusa l’operazione, è possibile nuovamente indossare l’intimo e i pantaloni.

Pulizia del sanitario

Pulizia del sanitarioPer garantire una certa igiene del bidet, è buona norma procedere con la sua pulizia. Per assolvere a tale impegno, sarà sufficiente riaprire il rubinetto, accertandosi che la pressione non sia molto alta (in modo tale da non creare schizzi indesiderati).

Una volta regolato il getto d’acqua, si potrà lavare il bidet aiutandosi con le mani, assicurando al sanitario, una pulizia migliore. Inoltre, lasciare il bidet pulito, come lo si è trovato, è un segno di discrezione e cortesia nei confronti delle persone che utilizzeranno quel sanitario in un secondo momento.

Prima di abbandonare il bagno, però, è necessario procedere ad un’altra operazione: il lavaggio delle mani.

Per evitare contaminazioni con microrganismi (considerata la delicatezza del lavoro svolto) bisognerà igienizzare le mani con del sapone liquido e, sotto l’acqua corrente, strofinarle con minuziosità.

Il bidet è particolarmente adatto in alcune situazioni

Il bidet può essere sempre usato ma, in alcune circostanze, diviene imprescindibile. Ad esempio nei soggetti che soffrono di emorroidi, l’uso del bidet può prevenire delle fastidiosissime irritazioni che si verificano, invece, usando la sola carta igienica.

Inoltre le donne con le mestruazioni, servendosi del bidet, possono garantirsi una pulizia più profonda delle parti intime; questo servirà a prevenire eventuali infezioni (come vaginiti o cistiti) e a combattere i cattivi odori. Altre persone usano questo sanitario anche per lavare rapidamente i piedi; considerata la posizione, effettivamente, questa pratica risulta essere molto comoda e molto veloce.

Bidet, impossibile farne a meno!

Con la seguente guida sono stati messi in risalto tutti i benefici derivanti da un uso costante del bidet. Questo sanitario, se utilizzato correttamente, può migliorare in maniera netta l’igiene delle parti intime. Prestando attenzione al lavaggio e alla disinfezione dello stesso, si avrà la certezza di poter disporre di un mezzo efficace contro i più comuni e fastidiosi agenti infettivi!

Lascia un commento