Chi ha inventato il bidet? Perché non c’è in Francia?

Chi ha inventato il bidet? Perché non c’è in Francia?

Indice:


Chi ha inventato il bidet? La sua storia risale a molti secoli fa.

Nel corso della storia gli umani si sono lavati fin da sempre con acqua, negli oceani, nei fiumi, nelle vasche da bagno e nelle docce… Le cerimonie e le credenze religiose hanno per tanto tempo considerato l’acqua come una sorta di purificante.

Una delle prime vasche da bagno conosciute risale al 1500 a.C. Gli antichi bagni pubblici romani sono un primo esempio di utilizzo specifico dell’acqua per pulire le parti inferiori del corpo. Gli antichi bagni pubblici romani erano in ottime condizioni igieniche. I romani avevano uno strumento chiamato Tersorium formato da un bastone con all’estremità una spugna da strofinarsi su tutto il corpo. Se hai bisogno di un bidet, in questa parte del sito puoi trovare le migliori recensioni sui: Bidet a terra e Bidet sospesi.

Nella seconda metà del Settecento la Regina di Napoli Maria Carolina d’Asburgo-Lorena volle un bidet nella stanza da bagno personale alla Reggia di Caserta, ignorandone l’etichetta di «strumento di lavoro da meretricio». In realtà il bidet si è diffuso in Italia in tempi relativamente recenti dopo il secondo dopoguerra. Tanto i gabinetti comuni delle case operaie dei grandi centri urbani, quanto le latrine contadine ne erano generalmente privi. Ancora negli anni ‘60 del Novecento non era raro che soprattutto i nuovi immigrati nelle grandi città del nord usassero il bidet come lavatoio per i panni o «pulisci piedi».

Chi ha inventato il bidet – Storia e Origine del Bidet

La storia del bagno è alquanto curiosa, i primi bidet erano fatti molto semplicemente da una vasca, avevano l’unico scopo di tenersi puliti. L’igiene personale a quei tempi era meno curata rispetto ad oggi, era infatti molto laborioso e costoso riempire un’intera vasca da bagno con acqua, però fino al 1700 era l’unica soluzione che si poteva adoperare finché i Francesi non inventarono un bagno mobile.

Soltanto nel XVIII secolo il bidet migliorò in usabilità e comodità, veniva montato su una struttura in legno diventando un oggetto a forma di sedia. Lo strano oggetto inizia a prendere una forma più nota per i giorni nostri.

Bidet etimologia e significato, come si scrive?

Chi ha inventato il bidet ha trovato un nome originale – Bidet infatti significa pony in francese. Le persone spesso si chiedono che cosa significhi il termine bidet ma soprattutto come si scrive.

In Francese, la parola bidet significa “pony” o anche “piccolo cavallo” e si riferisce al modo in cui ti siedi; a cavallo del bacino come se dovessi cavalcare un cavallo. Era possibile che questa parola fosse ispirata anche ai soldati francesi. Spesso si divertivano a pulire i loro sotto carri dolenti nei bacini d’acqua. I fabbricanti francesi si sono accreditati l’invenzione del bidet, anche se non è chiaro chi abbia inventato davvero il bidet. L’invenzione può venire da un singolo inventore o una corporazione di artigiani con immenso talento.

È possibile che il produttore di mobili della famiglia reale Christophe Des Rosiers abbia inventato il bidet; ci sono prove che lui abbia installato un bidet per la sua famiglia reale nel 1710. Gli aristocratici francesi furono i primi ad adottare questa nuova invenzione. Napoleone incluse il bidet dorato nella sua casa!

I bidet erano particolarmente favoriti dalle amanti della corte francese. Dopo la caduta dell’aristocrazia francese, i bidet venivano usati nei bordelli. Era anche molto diffusa l’idea che l’uso di un bidet potesse aiutare a prevenire la gravidanza.

Perché in Francia non c’è il bidet?

Perché in Francia non c’è il bidet? In Francia non è di gradimento il bidet nonostante fu un’ invenzione francese viene ritenuto uno strumento non utile e allo stesso tempo costoso che occupa spazio prezioso da riempire in modo diverso.

Durante la seconda guerra mondiale gli inglesi e americani videro per la prima volta i bidet nei vari bordelli quindi associarono questo significato a un qualcosa di sporco. Ecco perché è visto come un sanitario strano. Oggi i bidet vengono utilizzati comunemente e sono diffusi in quasi tutte le famiglie europee, specialmente in Italia. Secondo alcuni studi e ricerche, il 95% delle famiglie italiane e portoghesi ha il bidet nel proprio bagno.

Con quali materiali vengono costruiti? I materiali con cui vengono creati i bidet possono variare da produttore a produttore, però quelli più comuni sono costruiti in ceramica industriale, acciaio inossidabile oppure plastica comune.

Per cosa si utilizza il bidet?

I bidet vengono utilizzati principalmente in stanza da bagno per lavare e pulire i genitali, il perineo, i glutei e l’ano. Alcuni bidet hanno un getto verticale che serve per raggiungere facilmente aree difficilmente raggiungibili come ad esempio la zona perineale e l’area anale. Il bidet tradizionali possono essere utilizzati per molti altri scopi, uno di questi è il lavaggio dei piedi.

Negli anni ’80 venne introdotto il Wc-Bidet elettronico in Giappone. Questa tipologia di Wc è dotato di un accessorio che collegato alle forniture d’acqua esistenti ha integrato anche il bidet, quindi consente di risparmiare spazio. Vengono chiamati Wc Toto e possono essere utilizzati per bagni sprovvisti di spazio. Hanno sia il bidet che il WC, inoltre l’acqua per il bidet si riscalda istantaneamente insieme al sedile.

Lascia un commento